• COSA SIGNIFICA APLOIDE?

Il termine Apolide è associato a quelle cellule che presentano un corredo cromosomico non a coppie, ma con singoli cromosomi. Tali cellule dette aploidi  sono il risultato del processo di divisione meiotica.

  • COSA SIGNIFICA DIPLOIDE?

Il termine Diploide è associato a quelle cellule che hanno un corredo cromosomico multiplo di due. È tipico delle cellule eucariote somatiche (del corpo).

  • CHE COSA SIGNIFICA OMOZIGOTE?

Un individuo geneticamente omogeneo che presenta Alleli uguali per un determinato carattere.

 CHE COSA SIGNIFICA ETEROZIGOTE?

Individuo geneticamente eterogeneo che presenta alleli diversi per un dato carattere.

 DESCRIVI UN CLOROPLASTO?

Il cloroplasto è un organulo tipico delle cellule vegetali specializzato nel processo della Fosforilazione fotosintetica. Tale organello è formato da una doppia membrana. All’interno si trovano dei sacchi appiattiti detti grani che formano delle pile dette Tilacoidi. Nei tilacoidi si trova un pigmento di fondamentale importanza detto clorofilla. Nel cloroplasto si distingue uno spazio tra la membrana interna ed i tilacoidi detto Stroma.

  • DESCRIVI I LISOSOMI.

I lisosomi sono vescicole presenti nelle cellule che contengono enzimi idrolitici, cioè proteine che hanno il compito di demolire le principali molecole biologiche (polisaccaridi, lipidi e proteine). Inoltre essi sono coinvolti anche nella fagocitosi, ovvero nella distruzione di batteri inglobati nella cellula.

  • LEGGI DI MENDEL:

legge della Dominanza: gli ibridi di prima generazione sono geneticamente e fenotipicamente uguali.

Legge della segregazione: quando si formano i gameti, i due fattori (gene) responsabili di ciascun carattere si separano ed ogni gamete ne contiene uno solo.

Legge dell’assortimento: quando vengono trasmessi due caratteri ogni fattore di ciascuno di essi è libero rispetto agli altri e si comporta in modo indipendente.

  • QUAL È IL LIMITE DELLA TERZA LEGGE DI MENDEL?

I geni che tendono ad essere localizzati sulla stessa coppia di omologhi costituiscono un gruppo di associazione chiamati geni linked o associati.

  • I VACUOLI.

Sono organuli presenti nella cellula vegetale che contengono una soluzione acquosa. Hanno il compito di conferire alla cellula un aspetto turgido. Inoltre possono immagazzinare anche sostanze di nutrimento nonché accumulare sostanze di rifiuto.

  • CHE COS’È LA SCISSIONE BINARIA.

È un processo di divisione cellulare tipico delle cellule procariote.

  • XXX COSA SIGNIFICA?

Tale sigla rappresenta un caso di trisomia che si realizza quando il gamete femminile (uovo) contiene non un singolo cromosoma sessuale, ma anche il suo omologo. Questo gamete si fonderà con il gamete maschile (spermatozoo) che conterrà il Cromosoma X e porterà ad un individuo femmina con tre Cromosomi sessuali detto superfemmina, che avrà un forte mancanza di intelligenza.

  • DESCRIVI LA MEMBRANA CELLULARE.

Tale membrana è la parte esterna della cellula eucariote animale ed è formata dal 40% di fosfolipidi e dal 60% di proteine. I fosfolipidi sono organizzati a formare un doppio strato con teste idrofile (che è a contatto con la soluzione acquosa esterna ed interna alla cellula) e code idrofobe. Le proteine presenti nella membrana sono implicate nel trasporto di ioni da/per la membrana.

  • CHE COS’È LA GLICOLISI?

È un processo metabolico che consiste in una serie di reazioni che avvengono nel citoplasma e permettono al glucosio (C6 H12O6) di scindersi in due molecole di Piruvato,  producendo 2 molecole di ATP.

  • DEFINIZIONE DELLA FERMENTAZIONE.

La fermentazione è un processo metabolico che consiste in una serie di reazioni che avvengono in assenza di ossigeno e permettono al Piruvato di degradarsi in Lattato o Etanolo a seconda rispettivamente se si tratta di Fermentazione Lattica o Alcolica.

  • CHE COSA SIGNIFICA GENI E ALLELI.

Il gene è un segmento di DNA che reca informazioni per codificare un polipeptide (proteina). Tale informazione è scritta sotto forma di sequenza specifica delle basi azotate e tali basi sono responsabili della struttura della proteina.

Gli alleli sono tutte le alternative di un gene. Un gene può avere due o più alternative, ma ogni individuo per lo stesso gene né può portare al massimo due.

  • IL GRADIENTE PROTONICO.

È una variazione della concentrazione dei protoni (ione idrogeno). Tale gradiente si realizza sia nei mitocondri sia nei cloroplasti. Nei primi la direzione del gradiente va dallo spazio tra le due membrana alla matrice. Nei secondi la direzione del gradiente va dallo spazio del tilacoide allo stroma.

  • MEIOSI E MITOSI.

La Meiosi è un processo di divisione cellulare che porta alla formazione di cellule Aploidi, cioè con un corredo cromosomico dimezzato. Si divide in due fasi: la Meiosi I e la Meiosi II. A sua volta tali fasi si distinguono in 4 sottofasi: la Profase I la metafase I, la Anafase I, e la Telofase I e la Profase II, la metafaseII, la Anafase II e la Telofase II.

La mitosi è il processo di divisione nucleare tipico delle cellule eucariote e si realizza dopo che il nucleo ha duplicato il suo materiale genetico.

  • CHE COSA VUOL DIRE AUTOSOMA?

Il termine Autosoma è utilizzato per quei cromosomi che sono uguali in numero e per tipo nei maschi e nelle femmine e si distinguono dai eterocromosomi o cromosomi sessuali, i quali sono diversi.

  • CHE COS’È IL TEST CROSS O REINCROCIO?

È un test che si effettua quando si vuole determinare il genotipo di un individuo a fenotipo dominante. Si realizza incrociando tale fenotipo con un individuo della stessa specie, omozigote recessivo per quel dato carattere.

  • CHE COSA SERVONO I RIBOSOMI.

Sono organuli formati da Molecole di RNA ribosomiale deputati a sintetizzare le proteine.

  • IL TRASPORTO ATTIVO.

È un processo di trasporto che avviene tra l’interno e l’esterno della cellula, contro gradiente e con relativo consumo di ATP.

  • COME È FATTA LA PARETE VEGETALE?

È l’involucro che avvolge la cellula vegetale. Essa è formata principalmente da un polisaccaride detto Cellulosa che conferisce alla cellula rigidità. Tale parete è presente anche nei funghi, solo che in questi ultimi non vi è la cellulosa.

  • DESCRIVI CIGLIA E FLAGELLI.

Sono protuberanze filiformi della membrana plasmatica e sono un mezzo con cui la cellula si muove. La loro struttura interna è formata da 9 coppie di microtubuli, disposti in maniera circolare ed al centro vi sono presenti altri due microtubuli.

  1. C3 O CICLO DI CALVIN.

Il ciclo C3 è un insieme di reazioni che permettono all’anidride carbonica di essere incorporata nelle piante per poi portare alla formazione del Glucosio. Tale ciclo è detto C3 in quanto un composto fondamentale di tale  via metabolica, il fosfoglicerato è una molecola a tre atomi di carbonio. Quest’ultima consumando 2 molecole di ATP  genera il fosfoglicerato, il quale consumando 2 NADH genera 2 molecole di gliceraldeide, composto che dopo una serie di reazioni porterà alla formazione del glucosio. Il processo che dall’anidride carbonica porta alla formazione del glucosio è detto fissazione del carbonio.

  • CICLO C4.

Il ciclo C4 è una via metabolica che contrasta la perdita di carbonio nelle piante. Tale ciclo permette ai vegetali di incorporare l’anidride carbonica anche in presenza di ossigeno, in tal modo il fosfoenolpirivato si lega alla CO2  e  porta alla formazione dell’ossalacetato che attraverso una serie di reazioni formerà il glucosio.

  • EREDITÀ LEGATA AL SESSO.

È  la possibilità di trasmettere un carattere ereditario in base al sesso che matura nella generazione successiva. Tale eredità è legata al sesso in quanto gli alleli responsabili di quel carattere sono localizzati sui cromosomi sessuali. Esempi di eredità legata al sesso sono il Daltonismo e l’emofilia tipiche dell’uomo.

  • CHE COSA AFFERMA LA TEORIA DELLA MESCOLANZA?

Tale teoria afferma che la prole presenterà caratteri intermedi tra i caratteri della madre ed i caratteri del padre.

 CHE COS’È UN GENE?

Un gene è un segmento di DNA che codifica per una determinata catena polipeptidica?

 

 IN COSA CONSISTE UN ESPERIMENTO DI TEST CROSS?

È un esperimento finalizzato a determinare il genotipo di un individuo di cui non si conosce il fenotipo. Tale esperimento si realizza incrociando un individuo dominante con un omozigote recessivo.

  • CHE COSA È LA PLEIOTROPIA?

È la capacità di un singolo gene di influenzare più caratteri. Un esempio è la fibrosi cistica, malattie dovuta ad un’alterazione di un gene che codifica per una proteina detta CTFR. La sua struttura imperfetta determina tutta una serie di disfunzioni a livello organico.

  • CHE COSA S’INTENDE PER EREDITÀ POLIGENICA?

Per eredità poligenica s’intende la capacità di più geni di controllare un determinato carattere. Nel caso dell’uomo il carattere altezza è influenzato da più di dieci geni.

  • IN CHE MODO L’AMBIENTE PUÒ INFLUENZARE L’ESPRESSIONE DI UN GENE.

l’espressione di un gene può essere influenzata da una serie di situazioni ambientali come il ph, gli ormoni, la temperatura ecc.. tali fattori interagendo tra loro e con l’individuo,  determinano il fenotipo dell’soggetto.

  • CHE COSA S’INTENDE PER GENI ASSOCIATI?

Sono geni che risultano localizzati sulla stessa coppia di omologhi.

  • COME SI DEFINISCE UN AGENTE MUTAGENO?

È un agente chimico-fisico che può aumentare la frequenza delle mutazioni in un individuo di una certa specie. Esempi di agenti sono: composti chimici, radiazioni ionizzanti e raggi ultravioletti ecc..

  • CHE COS’È L’EREDITÀ AUTOSOMICA RECESSIVA?

Quando una mutazione riguarda un allele che da Dominante diventa recessivo. Può colpire solo la prole e non l’individuo stesso.

  • CHE COS’È L’EREDITÀ AUTOSOMICA DOMINANTE?

Tale eredità si ha quando in seguito ad una mutazione un allele diventa Dominante, causando l’insorgenza della malattia.

  • CHE COSA S’INTENDE PER MODELLO A CERNIERA DEL DNA.

Tale modello rappresenta il comportamento del DNA durante la duplicazione e consiste nell’apertura della molecola che espone da entrambe le parte le basi azotate libere che si vanno ad accoppiare con le basi complementari provenienti dal citoplasma.

  • PERCHÉ LA DUPLICAZIONE DEL DNA È DETTA SEMICONSERVATIVA?

Perché durante la duplicazione della molecola si conserva un semifilamento originario.

  • IN COSA CONSISTE LA SINTESI PROTEICA?

In due processi che portano alla formazione delle proteine. Tali processi sono la trascrizione e la traduzione. Nella trascrizione avviene il passaggio dell’informazione dal DNA all’RNA-m. Nella traduzione l’RNA-m fuoriesce dal nucleo e si dirige sui ribosomi che codificano la sequenza di basi dell’RNA e formano la catena di aminoacidi.

  • CHE COS’È LO SPLICING?

È il processo che permette al trascritto primario di eliminare le parti non codificate nel DNA (introni) e di unire le parti che codificano (esoni). Tale processo avviene nel nucleo in certe particelle dette spliceosomi.

  • CHE COS’È IL PROOFREADING?

È un processo che permette di ovviare agli errori che si realizzano durante l’assemblaggio del DNA, ad opera del DNA-polimerasi.

  • CHE COS’È IL PLASMIDE?

È una  piccola molecola di Dna circolare, formata da una trentina di geni.

  1. CHE COSA GLI EPISOMI?

Sono plasmidi che si integrano con il cromosoma batterico.

  • CHE COS’È UN RETROVIRUS?

È un virus che contiene come acido nucleico l’RNA. Un esempio di retrovirus è l’HIV che è responsabile della malattia AIDS ( sindrome da immunodeficienza acquisita).

  • CHE COS’È LA TRASCRITTASI INVERSA?

È un enzima responsabile della sintesi del DNA a partire dall’RNA.

  • CHE COS’È IL CAPSIDE?

È l’involucro proteico che avvolge il virus.

  • COSA VUOL DIRE CODICE DEGENERATO?

Per codice degenerato s’intende che le 61 triplette di basi codificano per solo 20 aminoacidi, in quanto molte triplette codificano per un solo aminoacido.

  • IN COSA CONSISTE L’ALLELIA MULTIPLA.

Per allelia multipla s’intende la possibilità di un carattere di essere controllato da più di due geni.

  • COSA S’INTENDE PER DOMINANZA INCOMPLETA E CODOMINANZA.

S’intende nel primo caso la non completa dominanza di un allele su di un altro, mentre nell’altro caso s’intende la dominanza di entrambi gli alleli.

  • CHE COS’È L’RNA POLIMERASI?

È un enzima che permette la sintesi dell’RNA. Tale enzima si lega su un punto del DNA detto sito promotore.

  • CHE COSA SONO GLI ENZIMI DI RESTRIZIONE?

Sono enzimi che tagliano pezzi di DNA in punti particolari dette sequenze di riconoscimento.

  • CHE COSA SONO I PILI?

Sono lunghe strutture proteiche codificate da due geni che si trovano localizzati sui plasmidi.

  • CHE COS’È L’OPERONE?

È un tratto di DNA formato da più geni. In esso si riconoscono una sequenza di geni detti strutturali. Un operatore che si lega ad una molecola proteica detta repressore, che disattiva i geni strutturali. Un gene detto regolatore che codifica per il repressore ed un sito promotore che si lega con l’RNA-polimerasi. Rappresenta l’unità che rende conto della regolazione genica nei procarioti.

  •  DIFFERENZA TRA CICLO INFETTIVO E CICLO LISOGENO.

Tali cicli d’infezione rappresentano il tipo di meccanismo d’azione dei virus, quando entrano in un batterio. Nel primo casi il virus sintetizza immediatamente nuovi virus fino a disintegrare completamente la cellula ospite. Nel secondo caso il virus attacca la cellula ed infetta il suo DNA, rimanendo allo stato latente.

  • CELLULA STAMINALE:

Cellula indifferenziata, totipotente che può diventare tutto.

  • CHE COS’È LA CONIUGAZIONE BATTERICA?

È un processo che consiste nel trasferire un plasmide da una cellula F+ ad una F- , che diventa a sua volta donatrice.

  • CHE COS’È LA TRASDUZIONE?

È un processo che consiste nel trasferimento di DNA da una cellula ad un’altra grazie ad un virus.

  • TRASFORMAZIONE.

Capacità dei batteri di assorbire DNA da altri batteri morti.

  • CHÈ COS’È LA PEPTILTRASFERASI?      

È un enzima che permette di legare gli aminoacidi, attraverso un legame peptidico, nel processo di traduzione.

  • CHE COS’È L’ANTICODONE?

È una tripletta di basi che si trova nel gambo dell’RNA-transfer ed è complementare alla tripletta presente sull’RNA-m, contenuto nei ribosomi.

  • QUALI SONO LE TRIPLETTE DETTE NON SENSO.

Sono le triplette che segnano il termine di una catena polipeptidica. Sono UAA, UAG e UGA.

  • CHE RUOLO HA LA TRIPLETTA AUG.

Determina il segnale d’inizio della catena polipeptidica e sintetizza anche l’aminoacido metionina

  • A COSA SERVONO GLI ENZIMI ATTIVANTI.

Sono molecole che svolgono il compito di caricare l’Rna-t con l’aminoacido corrispondente al loro anticodone.

Tali enzimi riconoscono l’RNA-t; riconoscono l’aminoacido, lo legano ad esso e sono in grado di correggere eventuali errori.

  • CHE COS’È L’RNA-T?

È una molecola di RNA altamente specializzata a trasportare solo uno specifico aminoacido sui ribosomi.

È formata al massimo da un’ottantina di ribonucleotidi.

  • CHE COS’È LA CROMATINA?

È un insieme di filamenti che appaiono colorati con specifici coloranti durante la divisione cellulari.

  • DIFFERENZA TRA ETEROCROMATINA ED EUCROMATINA.

La eterocromatina è l’insieme di filamenti colorati che durante la divisione cellulare appare più condensata, mentre la eucromatina appare più dispersa e meno colorata. Si crede che esse svolgano un ruolo di regolazione genica nei eucarioti.

  • CHE COSA GLI ISTONI?

Sono proteine presenti nel nucleo della cellula ed associate al DNA.

  • CHE COS’È IL CROSSINO OVER?

È lo scambio di segmenti di DNA tra i cromatidi dei cromosomi omologhi. Esso avviene nella profase I della meiosi.

  • CHE COS’È IL FUSO MITOTICO’

È la struttura che appare durante la prima fase della divisione nucleare. (profase). Esso è fatto da microtubuli che sono dette  rispettivamente: fibre del cinetocore, fibre dell’aster e fibre polari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation